close

Gusto, leggerezza e colore: i dolci di Carnevale per bambini

Non solo fritto: quali sono i modi alternativi e golosi per preparare dei dolci di Carnevale per bambini? Ecco qualche esempio!

Lifestyle

carnevale-chiacchiere_main

Martedì grasso, sì ma per modo di dire. Non è detto, infatti, che chiacchiere, castagnole e tortelli debbano essere per forza fritti o molto zuccherati: i dolci di Carnevale per bambini possono essere preparati anche in modo alternativo, con metodi di cottura più leggeri e ingredienti altrettanto gustosi. Non ci credi? Ecco qualche esempio!

1,2,3… in forno! Arrivano i tortelli di Carnevale

Durante la settimana più scherzosa e divertente dell’anno, i tortelli di Carnevale spiccano con la loro estrema morbidezza e il loro sapore “zuccherino”. Li hai mai assaggiati? La pasta assomiglia molto a quella delle zeppole di San Giuseppe, anche se i tortelli sono nati da tutt’altra parte, in Lombardia precisamente.

La ricetta originale prevede l’utilizzo del rhum, del burro e della tradizionale frittura in olio caldo (non bollente), ma volendo, per la festa di Carnevale dei bambini, puoi anche apportare un paio di modifiche: innanzitutto, puoi evitare di aggiungere il liquore, sostituire il burro presente nell’impasto con dell’olio extravergine d’oliva e dribblare la frittura. Come? Basta infornare i tuoi tortelli e cuocerli con l’aiuto della Funzione Ventilato del Forno CucinaBarilla!

Dolci di Carnevale per bambini: le castagnole con il miele

Forma piccola e rotonda, un po’ come quella delle castagne: da qui, il celeberrimo nome “castagnole”, frittelline deliziose che si preparano con un impasto a base di farina, uova, burro, zucchero e aromi. Come renderle più leggere, preservandone il gusto inconfondibile?

Vedrai, è semplicissimo: come prima cosa, puoi tranquillamente sostituire lo zucchero con il miele, decidi tu quale. C’è quello di acacia, che ha un sapore delicato, floreale, e una consistenza liquida che difficilmente cristallizza; quello di tarassaco, caratterizzato da una nota inconfondibile di vaniglia, camomilla oppure spezie fresche; il classico millefiori, dal gusto dolce e aromatico.

Una volta superato questo step, puoi dedicarti alla farina, adoperare la classica 00, oppure preparare un impasto “misto”, che preveda l’utilizzo anche di farina di riso o altri tipi di cereali.

Quante chiacchiere a Carnevale

Tra i dolci di Carnevale per bambini (e per adulti!) non possono di certo mancare le chiacchiere, altresì chiamate bugie, frappe, crostoli, fiocchetti e chi più ne ha, più ne metta. In qualsiasi modo tu voglia chiamarle, però, è sempre uno il denominatore comune: l’estrema croccantezza della pasta!

Questa loro peculiarità dipende principalmente dal metodo di cottura utilizzato, per lo più la frittura con oli vegetali, che il cibo inevitabilmente assorbe.

Che ne dici di provare le chiacchiere al forno? Si dorano in superficie abbastanza velocemente, in una decina di minuti circa potrai sfornarle e, una volta intiepidite, ci penserà lo zucchero a velo a renderle ancora più golose!

carnevale-tortamargherita_interna1
carnevale-frittelle_interna2

Torta al Cioccolato e Torta Margherita, perfette per decorazioni colorate

La festa di Carnevale dei bambini non può non essere allegra e colorata, e anche i dolci possono fare la differenza. Se, da una parte, chiacchiere e castagnole non si prestano particolarmente alle decorazioni, le basi neutre sono perfette per essere guarnite.

Un esempio? La Torta al Cioccolato oppure la Torta Margherita possono diventare una “tavolozza” sgargiante, sta a te decidere come: puoi ricoprirle con una crema spalmabile al cioccolato fondente sulla quale disegnare maschere e coriandoli con la granella colorata di zucchero, alternata a quella di pistacchi, nocciole oppure mandorle.

Oppure ancora, puoi sfruttare le potenzialità della celeberrima pasta da zucchero colorata. Ti servirà per ricoprire interamente la tua torta e creare le decorazioni che più ti piacciono (stelle filanti, clown e maschere vanno per la maggiore): quest’ultime vanno poi incollate sulla superficie della torta con l’aiuto di due gocce d’acqua oppure con degli stecchini appositi.